archivio

Archivio mensile:dicembre 2012

ATTENZIONE:
LA SCADENZA PER L’ISCRIZIONE AL CONCORSO E’ PROROGATA AL 7 MARZO 2013

Conosci la tua laguna? Vuoi partecipare a un Concorso?

Il Concorso per le scuole, organizzato dall’Istituzione Parco della Laguna per stimolare una riflessione sulle modalità e gli ambiti di un utilizzo sostenibile della laguna, è giunto ormai alla sua sesta edizione. L’iniziativa vuole stimolare la conoscenza di questi luoghi come primo passo verso la progettazione di un parco per la laguna di Venezia.

La laguna di Venezia è, infatti, un territorio molto ricco e complesso sia dal punto di vista naturalistico sia storico, antropologico e culturale.

Il sistema della laguna è stato tra i fattori determinanti per lo sviluppo della città di Venezia.

Ma come si difende una città sorta tra acqua e terra?

Scoprite, raccontate e descrivete i “castelli” della laguna: torri e batterie, caserme e forti, ottagoni, ridotti e polveriere. Ma non solo! Immaginate il loro futuro: quando la laguna sarà un grande parco e tutti, a contatto con la natura, ne potranno ammirare il meraviglioso paesaggio.

Partecipate al Concorso con la vostra opera sulle fortificazioni della laguna di Venezia!

Annunci

Gli organizzatori promuovono il Concorso con l’obiettivo di:

  • favorire la conoscenza del territorio lagunare;
  • far crescere tra i giovani di Venezia e della provincia sensibilità e coscienza critica rispetto alla difesa del patrimonio naturale, storico e culturale;
  • raccogliere idee e suggerimenti per un utilizzo sostenibile del territorio della laguna di Venezia.

La laguna di Venezia è un territorio molto ricco e complesso sia dal punto di vista naturalistico sia storico, antropologico e culturale. Il Concorso propone una riflessione sull’utilizzo della laguna per difendere le popolazioni veneziane e sulle modalità e gli ambiti di un riuso sostenibile dei tanti manufatti militari che la storia ha depositato in questo territorio.

I partecipanti sono invitati a esplorare, conoscere, scoprire e avventurarsi nel complesso sistema delle fortificazioni lagunari.

Un po’ di storia

Come si difende una città sorta tra acqua e terra?

La storia di Venezia racconta di una città che nasce dall’acqua e che da questa trae la sua fonte di ricchezza e di sostentamento. La laguna, con il suo sistema morfologico composto da barene, isole, acque dolci provenienti dalle foci dei fiumi e acque salmastre, ha costituito per secoli una difesa naturale verso l’entroterra.

Ma come si difendeva invece Venezia dai nemici che giungevano dal mare?

Nel Medioevo punti fortificati presidiavano le bocche di porto: il Castelvecchio a San Nicolò del Lido, il Castello della Lupa a Chioggia, le torri del Caligo sulla sponda sinistra della Piave Vecchia e delle Bebe alla foce del Brenta.

Le successive fortificazioni giunte sino a noi mostrano come i diversi dominî avvicendatisi nella laguna di Venezia abbiano lasciato una progressiva stratificazione cronologica di opere militari, attraverso le quali è possibile immaginare un viaggio. Si parte dall’Arsenale, nucleo originario delle difese veneziane, per spostarsi alle torri e ai punti fortificati lungo il litorale del Lido e a Chioggia.

Poi, negli anni ’40 del Cinquecento, la Serenissima commissiona all’architetto Michele Sanmicheli il Forte di Sant’Andrea, splendida opera architettonica destinata a diventare il principale baluardo posto a difesa della città.

Nel Seicento e nel Settecento, con l’utilizzo del porto di Malamocco, più adatto all’attracco di grandi vascelli, si realizzano i Forti di San Pietro e degli Alberoni.

Il potenziamento delle difese militari prosegue dal 1797 al 1866, anni caratterizzati dal governo francese e, successivamente, asburgico. È proprio durante la dominazione straniera che, con l’evoluzione delle tecniche militari e l’aumento della gittata dell’artiglieria, la laguna tra Venezia e la terraferma non è più in grado di garantire una difesa sufficiente. Gli austriaci iniziano così nel 1805 la costruzione del Forte Marghera: la più grande fabbrica difensiva veneziana insieme a San Nicolò. Durante l’Impero austriaco viene ricostruita anche la Torre Massimiliana a Sant’Erasmo, utilizzando il modello difensivo sperimentato negli stessi anni a Linz.

Con l’annessione al Regno d’Italia nel 1866, si procede a un ammodernamento delle fortificazioni già esistenti e alla costruzione di un’ulteriore linea difensiva avanzata lungo le vie di accesso alla città; inizia così la realizzazione, tra il 1886 e il 1892, del Campo trincerato di Mestre.

Infine, con lo scoppio della Prima Guerra Mondiale e l’utilizzo nelle operazioni belliche di aeroplani e dirigibili, si inizia a pianificare la difesa anche dal cielo.

Requisiti per la partecipazione

Il Concorso è riservato alle classi delle scuole dell’infanzia e primarie della provincia di Venezia, guidate da uno o più docenti.

Iscrizione

La partecipazione al Concorso e alle attività a esso correlate è gratuita.
Le adesioni al Concorso dovranno essere comunicate entro e non oltre il 28 febbraio 2013 inviando una e-mail all’indirizzo concorso@parcolagunavenezia.it con allegata la scheda d’iscrizione compilata in ogni sua parte.
Tale scheda è scaricabile al seguente indirizzo: www.concorsolaguna.wordpress.com

Modalità di partecipazione

Con l’iscrizione le classi hanno diritto a un laboratorio creativo svolto presso le scuole da operatori qualificati, che si svolgerà nel mese di marzo o aprile.
L’ammissione avverrà secondo lo stretto ordine cronologico di invio delle domande.
Importante: le classi che partecipano ai laboratori gratuiti si impegnano a consegnare l’opera per il Concorso.

Tipologia degli elaborati

Ogni classe potrà consegnare un solo elaborato che sviluppi in forma originale il tema del Concorso.
Viene richiesta la realizzazione di un’opera a tecnica libera, come ad esempio illustrazioni, fotomontaggi, opere tridimensionali, elaborazioni grafiche o pittoriche, plastici, modelli e collage.
Dimensioni: l’elaborato dovrà essere contenuto in un modulo di cartone, vidimato dall’Istituzione Parco della Laguna, che sarà consegnato durante il laboratorio a scuola e che servirà da base espositiva per l’allestimento della mostra delle opere dei ragazzi. Per questo non è possibile inserire opere piegate o arrotolate, ma solo corrispondenti alle misure del cartone stesso.

Consegna degli elaborati

Le opere che parteciperanno al Concorso, imballate all’interno del modulo in cartone contrassegnato dal logo dell’Istituzione Parco della Laguna, dovranno essere spedite oppure recapitate a mano al Museo di Storia Naturale di Venezia, Fontego dei Turchi, Santa Croce 1730, 30135 Venezia (nelle vicinanze di Campo San Giacomo dall’Orio, fermata vaporetto n. 1 Riva di Biasio oppure Stan Stae) entro e non oltre il 19 aprile 2013 (farà fede il timbro postale).

Gli orari per la consegna sono i seguenti: martedì e giovedì dalle ore 9.00 alle ore 16.00, mercoledì e venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.00.
I pacchi dovranno avere bene in vista la scheda di iscrizione stampata e compilata per identificare gli autori del lavoro.

Le opere, o loro immagini rappresentative, dovranno essere inviate in formato digitale all’indirizzo concorso@parcolagunavenezia.it, sempre entro il 19 aprile 2013.

I lavori presentati non saranno restituiti e rimarranno a disposizione dell’Istituzione, che potrà liberamente utilizzarli per la realizzazione di eventuali materiali divulgativi.

Per la valutazione degli elaborati presentati sarà istituita un’apposita Giuria che selezionerà quelli ritenuti più interessanti e innovativi.

Saranno premiati i primi 3 classificati delle diverse fasce d’età, suddivise secondo i seguenti criteri:

  • scuola dell’infanzia;
  • classi 1° e 2° della scuola primaria;
  • classi 3°, 4°, 5° della scuola primaria.

L’elenco dei premiati con le relative motivazioni sarà pubblicato sul blog del concorso (www.concorsolaguna.wordpress.com).

I primi classificati di ciascuna categoria riceveranno un videoproiettore.

I secondi classificati di ciascuna categoria riceveranno una macchina fotografica.

I terzi classificati di ciascuna categoria riceveranno un buono spesa del valore di 100 euro per l’acquisto di materiale didattico e/o informatico.

Una selezione delle opere del Concorso rimarrà in mostra presso la Galleria dei Cetacei del Museo di Storia Naturale, sotto lo scheletro della grande Balenottera, da martedì 14 maggio a domenica 2 giugno 2013.

Gli alunni e le famiglie potranno accedere secondo gli orari e le tariffe di bigliettazione del Museo consultabili sul sito http://www.visitmuve.it nella pagina Musei/Museo di Storia Naturale (l’ingresso è gratuito per i residenti e/o nati nel Comune di Venezia).

Per le classi che desiderano visitare gratuitamente la mostra è obbligatoria la prenotazione, chiamando la segreteria del Museo di Storia Naturale al numero 041.2750206, dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 13.00.

Tra martedì 14 e venerdì 17 maggio 2013 saranno organizzate le giornate-premio, a partecipazione gratuita, dedicate alle diverse fasce d’età presso il Museo di Storia Naturale-Fondazione Musei Civici di Venezia. Durante l’evento tutti gli alunni potranno visitare la mostra allestita con gli elaborati del Concorso e riceveranno gadget e omaggi a ricordo dell’iniziativa.